> Linux Reviews > man >

lp

file speciali per le stampanti


  1. lp.4.man


1. lp.4.man

Manpage of LP

LP

Section: File speciali (4)
Updated: 15 gennaio 1995
Index Return to Main Contents
 

NOME

lp - file speciali per le stampanti  

SINTASSI

#include <linux/lp.h>  

CONFIGURAZIONE

lp[0-2] sono dispositivi a carattere per le stampanti connesse sulla porta parallela; hanno numero primario 6 e numero secondario 0-2. I numeri secondari corrispondono agli indirizzi base delle porte delle stampante 0x03bc, 0x0378 e 0x0278. Si solito hanno modo di accesso 220 e sono di proprietà di root e gruppo lp. Si può usare la porta della stampante sia in polling che con interrupt. Gli interrupt sono raccomandati quando è previsto molto traffico, p.es. per le stampanti laser. Per le normali stampanti ad aghi di solito è sufficiente il polling. Il default è il polling.  

DESCRIZIONE

Sono supportate le seguenti chiamate ioctl(2):
int ioctl(int fd, LPTIME, int arg)
Pone uguale ad arg l'ammontare di tempo che il driver deve aspettare prima di ricontrollare la stampante quando il buffer della stampante sembra essere pieno. Se si ha un stampante veloce, si può diminuire questo numero; se si ha una stampante lenta conviene aumentarlo. Il valore È espresso in centesimi di secondo, e il default 2 significa 0.02 secondi. Questo valore influenza solo il driver di tipo "polling".
int ioctl(int fd, LPCHAR, int arg)
Assenga ad arg il numero massimo di iterazioni in busy-wait che il driver di tipo "polling" effetua aspettando che la stampante sia pronta a ricevere un carattere. Se la stampa è troppo lenta, si può incrementare questo numero; se il sistema va troppo piano lo si decrementi. Il default è 1000. Il valore ha influenza solo sulla sequenza di interrogazione dei driver.
int ioctl(int fd, LPABORT, int arg)
Se arg è 0, il driver della stampante riproverà a trasmettere nel caso si verifichino errori, altrimenti interromperà la stampa. Il default è 0.
int ioctl(int fd, LPABORTOPEN, int arg)
Se arg è 0, open(2) sarà terminato in caso un errore, altrimenti l'errore sarà ignorato. Il default è di ignorarlo.
int ioctl(int fd, LPCAREFUL, int arg)
Se arg è 0, allora i segnali out-of-paper, offline e error devono essere falsi durante tutte le operazioni di scrittura, altrimenti vengono ignorati. Il default è di ignorarli.
int ioctl(int fd, LPWAIT, int arg)
Assegna ad arg il numero di iterazioni in busy-wait da aspettare prima di abilitare (strobe) la stampante ad accettare il carattere appena scritto, e il numero di iterazioni da attendere prima di togliere ancora l'abilitazione. Le specifiche dicono che questo tempo dovrebbe essere di 0.5 microsecondi, ma l'esperienza ha mostrato che il ritardo causato dal codice è già sufficiente. Per questa ragione, il valore di default è 0. Questi valori vengono usati sia per la modalità interrogazione che quella con interrupt.
int ioctl(int fd, LPSETIRQ, int arg)
Questa ioctl() richiede i privilegi del superutente. Prende come argomento un intero contenente il nuovo numero di IRQ. Come effetto collaterale, la stampante sarà reimpostata. Quando arg è 0, questa chiamata seleziona il driver di tipo "polling", che è anche quello di default.
int ioctl(int fd, LPGETIRQ, int *arg)
Salva l'IRQ correntemente usato in arg.
int ioctl(int fd, LPGETSTATUS, int *arg)
Salva il valore della porta di stato della stampante in arg. I bit hanno i seguenti significati:

LP_PBUSYinput busy invertito, attivo alto
LP_PACKacknowledge, attivo basso
LP_POUTPAinput "out-of-paper" invariato, attivo alto
LP_PSELECDinput "selected" invariato, attivo alto
LP_PERRORPinput "error" invariato, attivo basso

Si faccia riferimento al manuale della propria stampante per il significato dei segnali. Si noti che possono essere impostati anche i bit non documentati, ma questo dipende dalla stampante usata.

int ioctl(int fd, LPRESET)
Reimposta la stampante. Non è necessario alcun argomento.
 

FILE

/dev/lp*  

AUTORI

Il driver per la stampante è stato scritto originariamente da Jim Weigand e Linus Torvalds. È stato ulteriormente migliorato da Michael K. Johnson. Il codice per gli interrupt è stato scritto da Nigel Gamble. Alan Cox lo ha modularizzato. LPCAREFUL, LPABORT, LPGETSTATUS sono state aggiunte da Chris Metcalf.  

VEDERE ANCHE

chmod(1), chown(1), mknod(1), lpcntl(8), tunelp(8)


 

Index

NOME
SINTASSI
CONFIGURAZIONE
DESCRIZIONE
FILE
AUTORI
VEDERE ANCHE

This document was created by man2html using the manual pages.
Time: 17:37:43 GMT, October 23, 2013

SVENSKA - SVENSKA - SVENSKA - SVENSKA - ja - pl - SVENSKA